La storia di NORD-OVEST Allestimenti Torna alla Homepage

Il proprietario della Ditta Migliore Tino è nato in una frazione di montagna, in una vallata cuneense che unisce la bellezza delle sue cime, alla bontà del formaggio “il Castelmagno” che gli esperti casari producono con il latte delle mucche che pascolano sui suoi prati; Tino amava le sue montagne e se le portò nel cuore quando la sua famiglia scese a valle, in quella pianura, da dove lui vedeva, all’orizzonte, le sue montagne, lontane Scauri, Cauri, Cialancia etc. etc. e dalle sue montagne si portò il modo di agire dell’alpinista, che valuta attentamente la situazione, ragiona, e dalla sua esperienza trova la soluzione, in sicurezza.
Poi venne il militare, e dove, se non negli Alpini? Tino si congeda, portandosi a casa, oltre ai gradi da Sergente, la passione per le montagne del Nordest, teatro della prima guerra mondiale, di cui è un profondo conoscitore.
Poi conosce la consorte, ed iniziano le loro vacanze insieme, in tenda.

 

Franca preferiva le spiagge assolate, ma girando con la loro tenda riuscivano a trovare molti posti che piacevano ad entrambi; le loro graziose bimbe, impararono presto a gustare la libertà del campeggio, prima in tenda e poi con il carrello tenda; bello comodo, e tanto spazio in più sulla Ritmo, dato che la famiglia era cresciuta, anche il carrello fece altrettanto, e divenne una roulotte.
Poi arrivò il primo camper, mentre Tino cominciava a conoscere il camper dal punto di vista lavorativo, e continuava aprendo un attività in proprio, ovviamente vendita, riparazione e noleggio di camper; la passione dei viaggi, continua e cresce, coinvolgendo sì camper e roulotte, ma anche le due ruote della loro potente Suzuki, li portano in giro per l’Europa.
E piano piano si fa strada nella sua mente il sogno di molti camperisti; farsi un camper…su misura.
Dal momento che il furgone venne parcheggiato nel capannone, iniziò il lavoro di progettazione; quante idee abbozzate, sviluppate, e naturalmente discusse con gli amici; il team di progettazione era ottimo; Tino, il tecnico, l’amico dei consigli Beppe e Franca che portava la sua esperienza che partiva dalla tenda in poi, ed ecco il risultato.
Si tratta di un gioiello, ottimizzato per un turismo…molto itinerante.
Le dimensioni, paragonabili a quelle di una berlina, permettono di entrare tranquillamente in un centro cittadino, o di imboccare una strada di montagna senza problemi; lo studio accurato della cellula, che sfrutta ogni minimo spazio, ha reso possibile l’installazione di un frigo di dimensioni generose, ed i serbatoi dell’acqua garantiscono ottima autonomia; le porte e le antine avvolgibili permettono l’accesso al bagno, ed agli armadi, senza compromettere lo spazio.

Un discorso a parte va per il letto, che se ripiegato, permette l’utilizzo a tutta altezza del camper, mentre, parzialmente aperto, offre uno spazio per i bagagli, che verranno sistemati sul pavimento, quando il letto è utilizzato…da letto.
Le soluzioni tecniche adottate, dalle luci a LED, al riscaldamento ad acqua Webasto
contribuiscono al confort dell’equipaggio; il generoso isolamento, oltre a proteggere dal freddo (e dal caldo) contribuisce ad attutire i rumori eventualmente presenti nell’area di sosta; se poi è tutto tranquillo, meglio.
L’ampia finestratura, completata dal maxi oblò dà luminosità al tutto.
Ci sono diverse tipologie di camper, spiega Tino; da una parte, quelli grandi, spaziosi, superaccessoriati, che vanno bene per lunghi periodi di stazionamento;  al lato opposto ci sono quelli da viaggio, piccoli, compatti, adatti per un turismo “sempre in movimento”; e questo è il tipo di vacanza che Tino e Franca preferiscono.

Anche gli esterni sono stati curati, raccordando le linee dei finestrini, in modo da rendere più filante la linea del mezzo, ornato con una serie di adesivi, anche questi artigianali, fatti con cura.
E qui rispuntano le montagne, sia nel profilo del logo (creato dal nipote Alessandro Migliore) che nel nome;  Scauri, il nome della montagna da dove un giorno proprio la famiglia di Tino si è mossa per scendere a valle.
E da progettista di vecchio stampo, ha voluto verificare di persona la bontà delle sue soluzioni, utilizzando con continuità questo mezzo, che lo ha portato in lungo ed in largo per l’Europa, con la conferma della bontà del suo lavoro.
Ma questo è solo un capitolo; nella vita, quando si insegue un sogno, un idea, ci lavora sopra, la si insegue, questo insieme di cose ha un fascino particolare; è un po’ un viaggio, un cammino verso una vetta che vogliamo raggiungere.. 
Poi l’idea si realizza, si arriva in vetta,  e la soddisfazione è grande, ma dov’è andato quel fascino magico? Non c’è più! E’ finito, sicuramente, ma come ci sono altre vette da raggiungere, ci sono altri obbiettivi che hanno lo stesso fascino; anche Tino ha trovato la prossima vetta da scalare, il prossimo camper da inventare.
Il primo è stato un mezzo costruito per  uso personale, ma questo sarà destinato forse alla vendita, o almeno, questa era l’idea iniziale, ma c’è già chi si è fatto avanti, attratto, oltre che dalla validità della realizzazione, dall’idea di potersi “disegnare addosso”  il proprio camper.
Molte volte la scelta di un camper è un compromesso tra diverse soluzioni che si avvicinano più o meno al nostro ideale, ma questa volta si parte da un foglio bianco, dove il futuro proprietario potrà disegnare, e vedere realizzato il proprio mezzo, e sarà certamente realizzato su misura, e personalizzato…anche nel nome.
E con questa idea Tino si è già attrezzato, non da alpinista, ma da allestitore, per scalare con successo il prossimo camper; e di queste montagne da scalare, ce ne sono molte.
Nasce così il nome di NORD-OVEST Allestimenti.

(F.Cravero)

Sanfrè - Via dell'industria, 14 - 12040 CN - Tel. 0172 587096 - Cel 393 8250358
MC HOLIDAY di MIGLIORE COSTANTINO PIVA 02157660040